Caccia chiusa, il regalo di fine anno.

Nella serata del 18 dicembre 2020, il presidente del consiglio dei ministri ha emanato l’ultimo DPCM.


Questo termine, ormai noto nell’anno in corso, non tralascia in secondo piano l’attività venatoria e i settori che la circondano.
Nei giorni in cui molte persone potrebbero aver maggior tempo da dedicare alle proprie passioni, il governo ferma il tutto con un nuovo decreto.


La situazione attuale vede come il territorio nazionale si colori di arancione e rosso, in giorni alterni delle festività, comunque impedendo di fatto di andare liberamente a caccia, anche in altri ATC che i cacciatori hanno regolarmente pagato.


Nella migliore delle ipotesi, in queste due settimane, si potranno svolgere le proprie passioni all interno del solo comune di residenza e se le regioni lo consentiranno sarà possibile effettuarlo nell’atc di residenza.


La situazione pandemica continua e con essa le limitazioni agli spostamenti, che condizionano inevitabilmente le passioni che svolgiamo.


Pianeta Caccia augura a tutti voi di poter trascorrere le festività natalizie almeno con i vostri cari, pensando che vi sono persone che non potranno farlo, e con la speranza che nell’anno venturo riusciremo a concludere con serenità la stagione venatoria, che si è svolta ad intermittenza.

One thought on “Caccia chiusa, il regalo di fine anno.

  1. Purtroppo in Sardegna i cacciatori perderanno 6 giornate di cui 4 nella terza decade di dicembre e 2 nella prima decade di gennaio. Un vero peccato visto che in pieno lock down abbiamo lavorato ugualmente cin tanto di autocertificazione e codice Ateco Anche l’attività venatoria ha un codice ateco ma a quanto pare non risulta nell’elenco delle attività ammesse nonostante si possa svolgere in forma individuale.Mi aspetto una reazione dalle associazioni venatorie per recuperare in qualche modo queste giornate che andranno perdute.

Rispondi